Cultura & Spettacoli

Il circo approda alla Mole Antonelliana: tre eventi speciali per festeggiare San Giovanni

TORINO. Diciannove repliche, 10 giorni tra il 24 giugno e il 3 luglio per tre specialissimi eventi: festeggiare il Santo Patrono della Città di Torino, il riconoscimento alla laurea triennale in Circo contemporaneo dato dalla Commissione interministeriale al percorso formativo di Cirko Vertigo e i vent’anni dalla nascita della Scuola di “Nuovo Cirko”; tutto questo in un incredibile luogo, il Museo Nazionale del Cinema all’interno della Mole Antonelliana, in un evento studiato appositamente per appoggiarsi all’architettura irripetibile della Mole.

Monumento simbolo della città di Torino, la Mole Antonelliana si trasformerà in un enorme palcoscenico all’insegna degli spettacoli circensi: tra acrobati aerei, danzatori, giocolieri, la mole ospiterà alcune delle personalità più in vista del panorama italiano, dalla partecipazione di Andrea Loreni, unico funambolo in Italia specializzato nelle traversate su cavo a grandi altezze, che per l’evento camminerà per venticinque metri su un cavo sospeso ad un’altezza di trentacinque, fino alla presenza di Caterina Mochi Sismondi, Fabio Barovero e il critico cinematografico Steve Della Casa.

Gonzalo Jeremìas Alarcòn Alarcòn, Alex Aufderklamm, Guenda Bournens, Alexandre Duarte, Vladimir Ježić, Andrea Loreni, Simone Menichini, Michelangelo Merlanti, Elisa Mutto, Filippo Vivi: sotto la mole, teatro, danza, musica e, ovviamente, circo; sfruttando la verticalità all’interno della mole, lo spettacolo porterà gli attori tra cielo e terra, muovendosi attorno alla gabbia dell’ascensore e alla musiche rivisitate di alcuni dei più grandi compositori cinematografici italiani, da Nino Rota fino a Ennio Morricone.

«Sfruttando la verticalità dello spazio della Mole, gli artisti si muoveranno fra terra e cielo utilizzando le tecniche delle discipline aeree, della danza, muovendosi negli spazi a disposizione del pubblico e sfruttando il senso di spiazzamento provocato negli spettatori per generare meraviglia e al tempo stesso attirare l’attenzione sulla narrazione che prende corpo», spiegano gli organizzatori dell’evento.

«siamo entusiasti di ospitare questo grande evento che celebra il cinema e il circo e che sarà sicuramente un’avventura indimenticabile per tutto il pubblico, uno spettacolo fantastico per festeggiare San Giovanni e per godere amabilmente delle forti emozioni che il verticalismo antonelliano e l’arte circense sanno dare», hanno concluso Enzo Ghigo e Domenico De Gaetano, rispettivamente presidente e direttore del Museo Nazionale del Cinema.

Per chiunque fosse interessato ad assistere a questo particolarissimo evento, i biglietti sono liberamente acquistabili su Vivaticket.it o all’interno del parco culturale Le Serre di Grugliasco, presso gli uffici della Fondazione Cirko Vertigo.

Advertisement

Mirco Spadaro

Classe '98, rivolese di nascita, frequenta il corso di Lettere Antiche a Torino, sotto il simbolo della città. Tra viaggi e libri, è innamorato della tecnologia e della scrittura e cerca, tra articoli e post su siti e giornali online, di congiungere queste due passioni, ora nella sua "carriera" come scrittore, ora con il "popolo di internet".

Articoli correlati

Back to top button