CuriositàTorino

Due esemplari di rinoceronti bianchi al bioparco Zoom Torino

CUMIANA. I fratelli Ian e John, di tre anni, rinoceronti bianchi della specie più a rischio di estinzione imminente, sono arrivati dall’Inghilterra nel bioparco Zoom Torino, nell’ambito del programma di interscambio tra parchi europei gestito e supervisionato dall’Eaza. In Europa, nelle strutture Eaza, sono ad oggi ospitati 310 rinoceronti, mentre in Italia sono solo 6 i rinoceronti bianchi presenti nei parchi Eaza, l’associazione che riunisce tutte le più prestigiose strutture zoologiche europee. Il rinoceronte bianco è una specie ad alto rischio estinzione a causa del crescente bracconaggio. Se i tassi di abbattimento continuano a salire con lo stesso trend dell’ultimo periodo (un esemplare ucciso ogni 7 ore in meno di 30 anni) i rinoceronti bianchi saranno estinti nel loro habitat naturale e si potranno osservare e conoscere esclusivamente nelle strutture zoologiche. Soltanto l’anno passato ne sono stati abbattuti 1.28, complice anche il credo della capacità curativa (dalla febbre all’epilessia e il cancro) e dei poteri afrodisiaci della polvere del corno.
“L’essere scelti da un’importante associazione europea, che riproduce animali a rischio estinzione a fini conservazionistici, quale struttura zoologica dove accogliere e far crescere uno dei big 5 africani è un onore e al tempo stesso un’opportunità», commenta Gian Luigi Casetta, fondatore e amministratore delegato di Zoom Torino, il bioparco ispirato al moderno concetto della zoo-immersione situato a Cumiana (To) e progettato per la protezione delle specie a rischio di estinzione. «Purtroppo, la richiesta sul mercato è altissima: con un unico corno il guadagno dei bracconieri e dei loro committenti – spiega sempre Casetta – può aggirarsi intorno ai 500mila dollari nell’arco di sole 48 ore, cioè il tempo calcolato dall’uccisione dell’animale all’immissione sul mercato della polvere del suo corno».

Tags

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close