Economia, Lavoro, IstruzioneTop NewsTorino

Con Ri-generation, Torino insegna il riuso dei rifiuti elettronici

TORINO. Dal 2017 il progetto Ri-generation, avviato dalla torinese Astelav, ha dato nuova vita a lavatrici, forni, lavastoviglie e frigoriferi ormai destinati alla discarica, facendo bene all’ambiente e creando lavoro e inclusione. Gli elettrodomestici rigenerati sono stati messi in vendita ad un prezzo mediamente inferiore del 50% rispetto al nuovo e si è creato un circuito dove anche le persone socialmente svantaggiate hanno una seconda possibilità. Grazie a “Ri-generation” in due anni sono stati gestiti più di 3.000 elettrodomestici, evitando quasi 200 tonnellate di rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche, le cosiddette RAEE. Queste ultime sono state recuperate dal “circuito dell’uno contro uno”, quello che dà la possibilità data al consumatore di consegnare l’elettrodomestico vecchio al rivenditore nel momento dell’acquisto di uno nuovo, oppure attraverso donazioni nella zona di Torino e provincia.

“Siamo partiti con due persone impiegate in questo progetto. Oggi ne contiamo 11 – premette Ernesto Bertolino amministratore di Astelav, società di Vinovo leader nel settore dei ricambi per gli elettrodomestici con alle spalle quasi 60 anni storia e una presenza in 80 Paesi nel mondo -. Abbiamo messo la nostra conoscenza degli elettrodomestici e la disponibilità dei ricambi al servizio dell’economia circolare, uscendo da quella mentalità dell’usa e getta che è sempre più diffusa. Nel contempo, abbiamo dato valore ad importanti risvolti sociali offrendo, in collaborazione con il Sermig, una seconda possibilità a quanti sono stati emarginati dal mondo del lavoro e trasferendo competenze a giovani provenienti da contesti sociali difficili”.

Il risultato è un laboratorio che alimenta una rete vendita composta da un sito e-commerce e due negozi (a Torino, in via Mameli 14 e in via Saluzzo 39/A), dà nuove opportunità di lavoro e crea una rete formativa dedicata ai minori non accompagnati. Ri-generation testimonia un nuovo modello di economia “civile”. “Oggi – conclude Bertolino – i volumi di attività di Ri-generation crescono del 30-40% ogni mese. Oggi siamo nelle condizioni di poter gestire più di 2.000 elettrodomestici all’anno”.

Info: www.astelav.comwww.ri-generation.com

Advertisement

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close