Torino

Un clima gozzaniano all’incontro con Pier Luigi Berbotto

TORINO. Pienone nella Sala della Musica del Circolo dei Lettori di Torino, nel tardo pomeriggio di lunedì 16, per una sorta di “operazione rilancio” di un libro risalente all’ormai lontano 2007, ma da considerarsi un “sempreverde” a pieno titolo Scende la sera nel giardino antico, di Pier Luigi Berbotto, il multiforme intellettuale di Bra (ma ormai torinese d’adozione) che ha scritto in prevalenza di musica e musicisti, tematica che però ha sempre saputo abbinare con situazioni giallo-noir e “del mistero “ (fa fede il suo romanzo più famoso, “Concerto rosso”) e con il ricordo di eccellenze letterarie, piemontesi e non, come Guido Gozzano. Infatti, com’è noto, la frase che dà il titolo a questo riuscitissimo intreccio narrativo tra realtà e fantasia, il cui fulcro è rappresentato proprio dal poeta torinese, scomparso a soli 33 anni nell’estate del 1916 a causa della tubercolosi, è tratta da uno dei versi iniziali di uno dei componimenti più elaborati e insieme più famosi da Lui scritti, “La Signorina Felicita ovvero La felicità”, ed è stato scelto da Berbotto non a caso, per ricordare come Gozzano sia stato e venga ancor oggi ricordato come il principale rappresentante della corrente del “Crepuscolarismo”, che interessò la poesia italiana proprio in quegli anni della “ Belle Epoque “ qui rivissuti, con una trama  ambientata naturalmente in gran parte a Torino e dintorni, ma non senza richiami alla creativa Parigi del tempo e ai fermenti culturali che coinvolsero, tra gli altri, Igor Stravinskij, Sergej Diaghilev, Gabriele D’Annunzio.

Il romanzo di Berbotto, lodato dai critici (uno dei quali lo ha definito come efficace ritratto di  “un mondo poetico che non può tramontare “) ha sostanzialmente dato il via a quella riscoperta di Gozzano (giustamente considerato dall’autore come “vivo tra i vivi, uno di noi ”) la cui apoteosi è stata la silloge poetica dal titolo “ Amalia, se Voi foste uomo…”, narrazione in versi della tormentata relazione di Guido con Amalia Guglielminetti che, in occasione delle recenti celebrazioni, è stata portata al meritatissimo successo da Marina Rota. Non a caso, lunedì pomeriggio, proprio la valente, poliedrica e sensibile intellettuale ha condotto l’incontro, scambiando con l’amico Berbotto impressioni, riflessioni, idee sull’uomo e sul poeta Gozzano, ma soprattutto definendo “Scende la sera nel giardino antico” come un romanzo dalla trama spiazzante e coinvolgente, “ dalla prosa sinuosa e ricca di echi, che si può veramente leggere proprio come una partitura musicale “ e i cui personaggi, sia reali che inventati, sono praticamente gli strumenti che la eseguono (“ un gioco difficile, ma perfettamente riuscito”, ha chiosato la Rota).

Tags

Cesare Borrometi

Laureato in Lettere, da diversi anni insegna nelle scuole secondarie superiori, collaborando con testate giornalistiche locali. Esperto di musica e della storia della televisione, è autore dei volumi “Lunario dei giorni di Tele” (2012), omaggio alla vecchia TV, e “Blog Sessantasette”, di prossima uscita, cavalcata di eventi piccoli e grandi dell’annata 1967. Dal 2014 dirige l’emittente radio-web Lucky Wave Radio.

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close