Eventi, Sport & Tempo LiberoTop NewsTorino

Tornano gli appuntamenti nel Giardino Botanico Medievale di Palazzo Madama

TORINO. Il Giardino Botanico Medievale di Palazzo Madama, che dal 2011 ospita la ricostruzione di un giardino di tardo Quattrocento, propone nuove visite e attività alla scoperta delle fioriture stagionali, di curiosità botaniche e aspetti di coltivazione e gestione naturale del giardino. Le Passeggiate con il curatore botanico Edoardo Santoro accompagneranno i visitatori nelle diverse aree del giardino tra rose antiche, officinali mediterranee, medicinali indigene, fiori di campo e piante dimenticate. 

Durante la passeggiata si scopriranno le diverse piante fiorite – Acanti, Digitali, Campanule e Sclaree – e si parlerà di tecniche di coltivazione naturale oltre che di aneddoti storici e botanici, in modo da rivivere la giornata di un giardiniere quattrocentesco, l’Hortolano Domini. Il giardino è anche luogo deputato per la lettura e per questo motivo dedicheremo l’ultimovenerdì del mese all’appuntamento Libri e giardini: un pomeriggio con una cesta da cui pescare a sorpresa alcuni libri scritti da famosi giardinieri o giardiniere, intellettuali, personaggi dello spettacolo, che mettono le mani in terra e raccontano esperienze di giardinaggio, piante curiose o avventurosi viaggi botanici. Le loro scoperte hanno rivoluzionato la storia di molte piante, che oggi coltiviamo. Gardenie, camelie, pelargoni e ortensie da dove arrivano? Chi le ha portate? In quale giardino sono state coltivate la prima volta? 

Info: il giardino è visitabile con un biglietto dedicato (5 euro, gratuito Abbonamento Musei e Torino + Piemonte Card) oppure con il biglietto di ingresso al museo. Il costo degli appuntamenti in giardino è di 4 euro (max 10 persone)

Calendario Passeggiate con il curatore botanico (ore 16.30 – 17.3)
mercoledì  16, 23, 30 giugno
mercoledì 7 luglio
mercoledì 4 agosto

Calendario Libri e giardini (ore 16.30 – 17.30)
venerdì 25 giugno
venerdì 30 luglio
venerdì 27 agosto

Prenotazioni: madamadidattica@fondazionetorinomusei.it

Advertisement

Articoli correlati

Back to top button