Torino

S’infrange alle urne il sogno del più giovane candidato sindaco d’Italia

SALERANO. Si è infranto alle urne il sogno di Andrea Cantoni, 18 anni nel giorno delle elezioni, di diventare il sindaco più giovane d’Italia. Nel suo comune di Salerano, a pochi chilometri da Ivrea, la Lega non è andata oltre l’8,94%, con appena 22 voti rispetto ai 216 (87,8%) di Tea Enrico, ex vicesindaco della precedente amministrazione commissariata dopo l’addio, per motivi famigliari, dello storico primo cittadino Elio Ottino.

Il giovanissimo aspirante primo cittadino può comunque consolarsi entrando in Consiglio comunale. Il suo nome era salito agli onori della cronaca quando la Lega aveva comunicato che l’avrebbe candidato alla carica di primo cittadino. Un record da Guinness dei primati, visto che avrebbe compiuto 18 anni proprio nel giorno delle consultazioni amministrative. «Ringrazio per la fiducia – si era limitato a commentare il giovane esponente del partito di Salvini -. La decisione di presentare questa lista arriva da lontano, da contatti e da pressioni da parte di cittadini di Salerano».  Da parte sua, il segretario di zona del Carroccio Giuliano Balzona aveva aggiunto: «La Lega di Ivrea ha voluto ancora una volta affermare che crede nei giovani e, facendo di fatto diventare Andrea Cantoni il più giovane candidato sindaco della storia del paese». 

Tags

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close