Cronache & AttualitàVercelli

Si è costituito l’uomo che ha dato fuoco alla commessa vercellese

VERCELLI. Si è costituito dopo aver vagato per qualche ora in auto nelle campagne sul confine tra Piemonte e Lombardia, l’uomo che ieri mattina ha aggredito, dando fuoco a Simona Rocca, 40 anni, commessa presso l’Oviesse di Vercelli. La donna, che era all’interno della sua vettura è ora ricoverata al Centro grandi ustionati del Cto di Torino: ha ustioni sul 50% del corpo (almeno il 15% sarebbero di terzo grado), in particolare su volto, collo e gambe. Le sue condizioni restano gravissimi.

L’aggressore ha 53 anni, si chiama Mario D’Uonno ed è di origini napoletane. Sino al 2012 aveva lavorato come guardia giurata, ma poi la sua vita aveva preso una brutta piega e non era più riuscita a trovare un’occupazione stabile. L’uomo, che si è presentato alla Questura di Novara, attualmente vive a Lodi e dalla città lombarda è partito nelle primissime ore di ieri per mettere in atto il drammatico gesto.

La vittima Simona Rocca

Nel 2015 avrebbe conosciuto Simona Rocca infatuandosene e cominciando a tempestarla di messaggi, telefonate e altro. La donna ha sporto più di una denuncia, insieme al marito, per stalking. Nulla, però faceva presagire quanto invece è accaduto ieri. Pare che D’Uonno abbia alle spalle altri episodi di persecuzione nei confronti di altre donne.

Ieri sera a Vercelli si è tenuta una fiaccolata di solidarietà che si è snodata da Corso Libertà, all’altezza della Parrocchia di San Salvatore, per concludersi in Piazza Cavour davanti al monumento. Un corteo composto e silenzioso, che ha lasciato parlare al cuore di tutti i sentimenti di condivisione del dramma, soprattutto dei bambini che trepidano per la sorte di Simona e di rifiuto per ogni forma di violenza, soprattutto quella particolarmente vile consumata sulle donne.

Piero Abrate

Giornalista professionista, è direttore responsabile di Piemonte Top News. In passato ha lavorato per quasi 20 anni nelle redazioni di Stampa Sera e La Stampa, dirigendo successivamente un mensile nazionale di auto e il quotidiano locale Torino Sera. E’ stato docente di giornalismo all’Università popolare di Torino.

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close