Storie piemontesi

Questo Natale la bontà del Cioccolato Calcagno vale il doppio

Per ogni confezione di “Crema Spalmabile Piemonte” verrà donato un pasto caldo a un senzatetto (Progetto Arca Onlus)

COLLEGNO (To). Calcagno è sinonimo di cioccolato artigianale di qualità e rappresenta uno dei più prestigiosi marchi storici del settore, che vanta una tradizione di tre quarti di secolo sul territorio. La fabbrica, che fu fondata a Torino nel 1946, da un paio d’anni (in concomitanza con un passaggio di proprietà), si è trasferita, dalla precedente sede torinese di Via Bersezio 5, in quel di Collegno, a poche centinaia di metri dal confine del capoluogo, in una più moderna ed ariosa location.

Uno dei principi cui il Laboratorio Cioccolato Calcagno si è sempre ispirato, ed ha sempre applicato con coerenza da quasi ottant’anni, è stato quello di continuare a produrre cioccolato secondo le storiche procedure, trasmesse nel tempo dal fondatore, nel rispetto delle impeccabili originali ricette e con l’impiego di materie prime d’eccellenza. Per certi passaggi di lavorazione, Cioccolato Calcagno ha voluto mantenere attive le antiche macchine d’epoca, recuperate e riportate a nuova vita, proprio per poter seguire alla lettera i metodi di lavorazione d’antan, garanzia di un prodotto superiore. Ma senza però risparmiarsi nel rinnovare gli impianti, e nel realizzare quegli adeguamenti necessari per garantire la massima igiene e asetticità della lavorazione, tenendo contemporaneamente d’occhio l’evoluzione dei gusti dei consumatori, per poter dare spazio alla ricerca di nuovi prodotti e sapori, che meglio potessero e possano adattarsi agli inevitabili cambiamenti di gusto dei consumatori del Terzo Millenio.   Ma c’è un  altro particolare che caratterizza questa azienda artigianale e che costituisce un valore aggiunto che invita all’ammirazione: la sua attenzione al sociale.

Gustarsi una buona crema artigianale di cioccolato, e contemporaneamente fare una buona azione, oggi è possibile. La tradizionale “Crema Piemonte” Calcagno quest’anno diventa “Crema della Bontà”. E cioè, doppia bontà: alla bontà del sapore, si aggiunge la bontà di un gesto di solidarietà e sostegno per chi vive una vita di emarginazione e sofferenza. Per ogni vasetto acquistato (6 euro caduno), Cioccolato Calcagno si impegna infatti a sostenere le attività del Progetto Arca Onlus, donando una pasto caldo ad una persona senza dimora.

Gli acquisti possono essere effettuati:

a) direttamente all’Emporio della fabbrica, in Via Paolo Losa 21, a Collegno.

b) oppure, possono essere  recapitati a domicilio inviando una mail a: ordini@calcagno1946.it indicando i propri dati anagrafici, l’indirizzo e la quantità di barattoli acquistati

c) on line, collegandosi al sito https://cioccolatocalcagno.storeden.com/

L’iniziativa inizia il 23 di Novembre 2020 e si protrae per tutto il periodo natalizio. Una imperdibile occasione per deliziare il palato e confortare i cuori.

Advertisement

Sergio Donna

Torinese di Borgo San Paolo, è laureato in Economia e Commercio. Presidente dell’Associazione Monginevro Cultura, è autore di romanzi, saggi e poesie, in lingua italiana e piemontese. Appassionato di storia e cultura del Piemonte, ha pubblicato, in collaborazione con altri studiosi e giornalisti del territorio, le monografie "Torèt, le fontanelle verdi di Torino", "Portoni torinesi", "Chiese, Campanili & Campane di Torino" e "Giardini di Torino". Come giornalista, collabora con la rivista "Torino Storia". Come piemontesista, Sergio Donna cura da tempo per Monginevro Cultura le edizioni annuali dell'“Armanach Piemontèis - Stòrie d’antan”.

Articoli correlati

Back to top button