Eventi, Sport & Tempo LiberoTorino

Per tre giorni Torino diventa capitale italiana dei tuffi

TORINO. Sarà il  capoluogo piemontese ad ospitare nel prossimo fine settimana i Campionati italiani assoluti indoor open di tuffi, a cui parteciperanno circa ottanta atleti tra uomini e donne in rappresentanza di venti società. Palcoscenico delle sfide la Piscina Monumentale. Da 20 aprile sino al 22  si assegneranno i titoli della sesta edizione torinese della rassegna tricolore, conferma del connubio tra la città piemontese e il mondo dei tuffi.

Quella che s’inizia domani sarà la prima edizione senza Tania Cagnotto, presente però in veste di commentatrice Rai dopo il ritiro dalle gare. Non mancherà invece Francesca Dallapè, neomamma, in gara nel trampolino da un metro. Insieme a lei saranno presenti i migliori interpreti del mondo dei tuffi. I campionati Italiani saranno infatti prova di selezione per le rassegne europee: 76 atleti al via, 34 in campo femminile e 42 in quello maschile, con la presenza di due atleti spagnoli, Nicolas Garcia e Alberto Arevalo.

Un occhio di riguardo per gli azzurri Elena Bertocchi e Giovanni Tocci, reduci dal bronzo mondiale nel trampolino da un metro, e per Maria Elisabetta Marconi e Noemi Batki.Per molti tuffatori i campionati sono l’occasione di mettersi in mostra e guadagnarsi la convocazione in Nazionale in vista degli Europei in programma ad Edimburgo, in Scozia, dal 6 al 12 agosto.

«Ospitare i gli Assoluti trivolori indoor di tuffi è motivo di grande orgoglio per la nostra città – dichiara l’assessore allo Sport del Comune di Torino, Roberto Finardi -. L’appuntamento sancisce di nuovo lo stretto rapporto di collaborazione tra Torino e la Federazione Nazionale di Nuoto.Sono certo che i torinesi sapranno rispondere con entusiasmo alla manifestazione, come dimo strato in tutti gli appuntamenti sportivi cittadini».

Tags

Piero Abrate

Giornalista professionista, è direttore responsabile di Piemonte Top News. In passato ha lavorato per quasi 20 anni nelle redazioni di Stampa Sera e La Stampa, dirigendo successivamente un mensile nazionale di auto e il quotidiano locale Torino Sera. E’ stato docente di giornalismo all’Università popolare di Torino.

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close