Eventi, Sport & Tempo LiberoPiemonte

L’impresa di Catherine Bertone: ottava a 46 anni alla maratona europea di Berlino

BERLINO. Una grande impresa per la maratoneta torinese Catherine Bertone che ai Campionati europei di atletica leggera in corso di svolgimento a Berlino ha ottenuto l’ottava posizione assoluta in 2h 30′ 06″. Una grande impresa perché l’atleta azzurra ha compiuto 46 anni lo scorso 6 maggio. Quarantasei anni non sono tanti per correre la maratoneta, ma correrle a certi livelli lo è sicuramente. Soprattutto quando si è iniziato a una certa età a fare del running a livello agonistico.

La storia Catherine Bertone è avvenurosa sin da quando ha mosso i primi passi. Nata a Bursa, in Turchia, nel 1972 perché il papà torinese lavorava per la sezione estera della Fiat, ha poi passato l’infanzia a Belo Horizonte, in Brasile. La mamma è francese di Saint-Malo, Bretagna. Il ritorno in Italia a 8 anni. A Torino la laurea in medicina con specializzazione in malattie infettive e tesi preparata a Parigi. Oggi lavora nel primo soccorso pediatrico all’ospedale di Aosta, dopo essere stata anche a Biella dove ha conosciuto il marito Gabriele Beltrami. E’ stato proprio lui a spingerla a riprendere quell’attività agonistica che aveva praticato come mezzofondista da ragazza. Una volta intrapresi gli studi universitari, le gare le aveva accantonate. Non la corsa per, visto che per anni al lavoro in ospedale ci è andata correndo. Prima di iniziare a correre seriamante, cosa che è avvenuta a partire dal 2011, si allenava a sensazioni, soprattutto nel tragitto per andare a lavoro.

Da allora al lavoro continua ad andarci a piedi, ma l’allenamento si è fatto metodico. Lei fa anche le maratone di mezzo mondo, comprese quelle olimpiche e mondiali. L’esordio in azzurro con il nono posto ai Mondiali di lunghe distanze e bronzo iridato nel 2015, poi ha gareggiato alle Olimpiadi di Rio 2016 e alla maratona di Berlino nel 2017 ha corso in due ore 28 minuti e 34 secondi, arrivando sesta e facendo il record mondiale master over 45. Nella stessa Berlino corre oggi la maratona europea con l’obiettivo di entrare nelle prime 10. Ad un anno di distanza, ancora un’impresa sempre nella capitale tedesca.

«L’età è una questione fisica, ma anche mentale – ribadisce  l’atleta piemontese -. L’importante è dormire bene e avere la testa a posto.  Qualche rimpianto per non aver iniziato prima? Assolutamente no. Non ho alcun rimpianto di non aver fatto l’atleta professionista a tutto tondo. Quando ero più giovane lo erano anche le mie bambine (adesso hanno 9 e 12 anni, ndr). Le energie mentali non cambiano, quelle fisiche sì. A Berlino nel 2011, ad esempio, avevo corso in 2 ore e 36 perché stavo ancora allattando la più piccola. Sei anni dopo ho impiegato 8 minuti di meno a coprire i 42 chilometri». Che tradotto significa che si vince con la testa prima che con il corpo.

Ora qualcuno azzarda a domandarle se sta già pensando ai Giochi di Tokyo 2020. Lei serafica sorride: «Da parte mia non mi pongo alcun tipo di limite, anche perché a quello ci pensa già la vita. Mi piace andare avanti a piccoli passi, un traguardo dopo l’altro». 

 

Tags

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close