EnogastronomiaTorino

Iscrizioni aperte al concorso per creativi miscelatori di bibite: tema della 3ª edizione è il Futurismo

Roberto Bava

TORINO. Futurismo per tutti: è il tema della terza edizione della competizione Miscelatore Record Nazionale – ideata e coordinata da Giulio Cocchi insieme ad altre aziende storiche della liquoristica italiana – che intende portare il verbo della miscelazione futurista al popolo. Roberto Bava, AD di Cocchi, ha spiegato: «Anche quest’anno chiamiamo a raccolta gli ardimentosi Miscelatori Futuristi d’Italia per lanciare una nuova sfida: portare il Futurismo fuori dai musei, dalle accademie, dalle biblioteche direttamente nei Quisibeve (bar) e nei ritrovi ove si cerca sollievo alla fatica quotidiana. Un ‘Futurismo da bere’ che celebri l’abilità di rendere la Miscelazione Futurista fruibile e comprensibile a un pubblico “profano”: il miscelatore che meglio riuscirà in questo compito è quello che otterrà il titolo di Miscelatore Record Nazionale 2018».

Il Miscelatore Record Nazionale 2018 sarà eletto – tra i dieci Miscelatori futuristi più creativi, che avranno proposto la polibibita (cocktail) in grado di valorizzare meglio questo stile decisamente italiano di miscelazione – in una Gran Serata Futurista, il 18 ottobre a Torino. Proprio Torino, che con le sue architetture industriali e la sua cucina fu città d’elezione per il movimento futurista, si conferma per il terzo anno consecutivo capitale della Miscelazione Futurista. Fulvio Piccinino, barman ed esperto, autore del volume “La Miscelazione Futurista” ha affermato che “il rinnovamento architettonico futurista, con il suo carico iconoclastico, prese vita a Torino. La città immaginata dai due geniali architetti futuristi Antonio Sant’Elia e Mario Chiattone ebbe la sua applicazione con la Fiat Lingotto, la nuova via Roma e la Torre Littoria che fu teatro anche dei primi voli, del primo circolo aereonautico che vedeva fra i fondatori Cinzio Barosi, fervente futurista autore della polibibita Avanvera. Ma la rivoluzione futurista a Torino si realizzò sotto altre sembianze, quelle della Cucina, estesa anche al mondo del bere, considerata da Marinetti come l’Ottava Arte”.

La sfida avverrà quest’anno davanti a due giurie: una tecnica formata da esperti di miscelazione ed una popolare aperta a chi vorrà prendere parte alla Gran Serata Futurista che sarà aperta alla partecipazione del pubblico. Ognuno dei finalisti avrà a propria disposizione una postazione dove preparerà la sua polibibita e che potrà personalizzare coerentemente con il tema della polibibita che presenterà: la creatività, infatti, è come sempre uno dei criteri di valutazione principali insieme alla tecnica ed all’ottemperanza alle regole enunciate nel NeoManifesto della Miscelazione Futurista. Ogni polibibita dovrà dunque essere presentata in due versioni: una completa di decorazioni per la giuria tecnica e una più semplice e facilmente replicabile per la giuria popolare. L’iniziativa della competizione, unica nel suo genere, prosegue idealmente il progetto iniziato quattro anni fa con la pubblicazione del volume “La Miscelazione Futurista. Polibibite: la risposta autarchica italiana ai cocktail degli anni Trenta” (prima edizione 2014) a cura di Fulvio Piccinino, inserito tra i 10 migliori libri di miscelazione al mondo al Tales of the Cocktail di New Orleans e ristampato in un’edizione arricchita nel 2016. Alla pubblicazione del volume si è affiancata un’intensa attività di seminari sulla miscelazione futurista a partire dall’autunno 2014 in Italia e nel mondo. Al progetto futurista hanno preso parte in questi anni, insieme a Cocchi, anche: Alpestre, Campari, Fabbri, Luxardo, Nardini, Pallini, Strega, Tassoni e Vecchia Romagna. La competizione Miscelatore Record Nazionale è stata vinta nel 2016 da Cinzia Ferro (Estremadura Café di Verbania, polibibita “Svetta”) e nel 2017 da Elisa Favaron (Palazzo delle Misture di Bassano del Grappa, polibibita “La Sfacciata”).

Per partecipare alla selezione gli aspiranti miscelatori dovranno inviare un’email a barcocchi@cocchi.com, indicando il proprio nome, cognome, data di nascita, recapito di posta elettronica, cellulare, nome del locale in cui svolgono la loro attività, nome e ricetta della polibibita con la relativa preparazione e categoria di appartenenza. Bisognerà inviare anche una foto in alta risoluzione della polibibita. In più quest’anno si dovrà descrivere la versione semplificata della polibibita da presentare al pubblico. Le iscrizioni sono aperte ed il termine ultimo per far pervenire le ricette è il 14 settembre 2018. Si può consultare il regolamento completo sul sito www.miscelazionefuturista.it. Le polibibite finaliste ed i nomi dei dieci miscelatori che avranno accesso alla finale del 18 ottobre saranno annunciati sullo stesso sito. Per ulteriori informazioni Giulio Cocchi Spumanti Srl (via Liprandi, 21) Cocconato (Asti), www.cocchi.itcocchi@cocchi.com.

Tags

Valeria Glaray

Laureata in Servizio Sociale ed iscritta alla sezione B dell’Albo degli Assistenti Sociali della Regione Piemonte. Ha un particolare interesse per gli argomenti relativi alla psicologia motivazionale e per le pratiche terapeutiche di medicina complementare ed alternativa. Amante degli animali e della natura.

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close