Cultura & Spettacoli

Il “Vercelli Book” per 4 mesi in mostra a Londra con altri preziosi manoscritti

VERCELLI. Il Vercelli Book, celebre manoscritto del X secolo custodito nelle sale della Biblioteca Capitolare di Vercelli, da una settimana è a Londra. Il volume, che rappresenta una delle più importanti testimonianze esistenti al mondo dell’anglosassone antico, prenderà parte alla mostra “Anglo-Saxon Kingdoms” che si svolgerà alla British Library dal 19 ottobre 2018 al 19 febbraio 2019. Per la prima volta si troveranno insieme i quattro ed unici testimoni della produzione poetica dell’antica lingua inglese. Si tratta del Beowulf, conservato nella British Library, dell’Exeter Book, in prestito dalla Exeter Cathedral Library, dello Junius XI, della Bodleian Library di Oxford e appunto del Vercelli Book.Il volume ha effettuato il viaggio con il conservatore Rari e Manoscritti della Biblioteca Capitolare, Timoty Leonardi, da oggi impegnato nell’allestimento alla British Library.

Il manoscritto, uno dei più antichi testi scritti in antico inglese,  è ancor oggi oggetto di studio da parte di esperti provenienti da tutto il mondo. I fogli misurano circa trentun centimetri per venti e contengono ciascuno da ventitré a trentadue righe di testo. I fogli sono molto ben conservati e sono probabilmente l’opera di un unico copista che utilizzò la scrittura minuscola quadrata anglosassone. Non è mai stato chiarito come il testo fu trasferito dall’Inghilterra a Vercelli. Diverse furono le ipotesi a riguardo, forse il Vercelli Book è un lascito di un pellegrino diretto verso Roma. Vercelli infatti costituiva una delle tappe della Via Franchigena, motivo per cui molti pellegrini e studenti di origine britannica passavano di lì. Da tenere in considerazione è anche la presenza dell’Ospedale di Santa Brigida degli Scoti, che offriva rifugio ai pellegrini.

Attraverso le sue centotrentasei pagine di sottili fogli di pergamena si possono trovare componimenti religiosi, per la maggior parte del poeta Cynewulf, come The Fates of the Apostle (i fatti degli apostoli), The Dream of the Rood  (Il sogno della croce) ed Elena. Una versione digitale del libro, realizzata dall’università di Torino, è consultabile QUI.

 

Tags

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close