BiellaCronache & Attualità

Costringeva la moglie a prostituirsi per pagarsi le slot machine

BIELLA. I carabinieri del Nucleo Investigativo, nell’ambito di un’indagine rivolta al contrasto dello sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione, hanno arrestato un cittadino biellese, D. D., pensionato di 49 anni. L’arresto, avvenuto a seguito di un servizio di osservazione, pedinamento e controllo. L’uomo costringeva la moglie a prostituirsi per accumulare il denaro che gli serviva a giocare alle slot machine.  I militari hanno bloccato l’uomo, già noto alle forze dell’ordine, nel suo appartamento di Chiavazza.

Con le minacce di morte, le vessazioni psicologiche e i maltrattamenti, L. D. F., 54 anni, era costretta a prostituirsi e anche a chiedere l’elemosina in diverse città piemontesi. Secondo i primi accertamenti la vicenda è cominciata cinque anni fa. Gli inquirenti sono convinti che l’uomo stesse costringendo «da almeno quattro o cinque anni la moglie alla prostituzione e alla questua in varie città piemontesi, al fine di accumulare quanto più denaro possibile per dare sfogo al suo stato grave di “ludopatia”».

Tags

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close