Eventi, Sport & Tempo Libero

“Cinemautismo” torna a colorare di blu Torino sino a sabato 7

In programma da luedì 2 a sabato 7 aprile con sei serate di cinema dedicate all’autismo e alla sindrome di Asperger. Le proiezioni al Cinema Massimo, al Cinema Lux, al Cinema Greenwich Village e al Cinema Classico

Torna a Torino “Cinemautismo“,  la rassegna cinematografica dedicata all’autismo e alla sindrome di Asperger. La kermesse giunta ala decima edizione è programmata dal 2 al 7 aprile. E proprio per festeggiare il decimo compleanno, gli organizzatori hanno messo a punto un’edizione speciale, ad ingresso gratuito, con un calendario ricchissimo: 6 serate di cinema. Si parte lunedì 2 aprile e si prosegue fino al prossimo 7 aprile con 12 proiezioni di film provenienti da tutto il mondo.

Per la ricorrenza dei dieci anni, il programma della rassegna, curato da Marco Mastino e Ginevra Tomei e organizzato dall’Associazione Museo Nazionale del Cinema, vedrà affiancati a nuovi lungometraggi e anteprime nazionali, anche alcuni dei film più apprezzati delle passate edizioni che saranno presentati al pubblico affezionato e ai nuovi spettatori al Cinema Massimo, al Cinema Lux, al Cinema Greenwich Village e al Cinema Classico.

«Siamo felici e sorpresi di festeggiare questa decima edizione – commentano i curatori -. Non ci saremmo mai aspettati che, partendo da una singola giornata di proiezioni, che aveva coinvolto un centinaio di persone nel 2009, saremmo arrivati alle oltre 5.000 presenze in tutti questi anni. cinemautismo negli anni è cresciuto sino a diventare un progetto a più ampio spettro, che coinvolge scuole, associazioni e festival sparsi sul territorio italiano. Nonostante lo scarso interesse dei distributori italiani, le pellicole straniere che trattano l’autismo sono numerose: abbiamo proiettato film provenienti da più di venti Paesi permettendo così al nostro pubblico di avere punti di vista differenti, a livello estetico e culturale, su un argomento che per molti è ancora molto poco conosciuto e accettato. Siamo per questo ancora più contenti di presentare in anteprima nella giornata del 2 aprile, il film italiano “Quanto Basta” di Francesco Falaschi, che ha visto nella sua realizzazione il coinvolgimento di persone con autismo. Continuiamo a ritenere che il cinema abbia la fortissima capacità di coinvolgere sul piano emotivo lo spettatore, facilitando il processo di scoperta, conoscenza e accettazione della neurodiversità».

Germano Longo

Giornalista professionista torinese, collaboratore per anni di "Stampa Sera" e "La Stampa", ha lavorato per oltre un decennio come capo servizio nella redazione di un mensile nazionale di produzione automobilistica. Appassionato di cinema, oltre ad avere realizzato alcuni cortometraggi, ha scritto insieme all'amico e collega Piero Abrate il volume "Cento anni di cinema in Piemonte" (Abacus Edizioni, 1997). Due anni fa è uscito il suo primo romanzo: "Anni di vetro scuro" (Il Punto - Piemonte in Bancarella).

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close