MusicaTorino

Sotto il segno dei pesci tour: arriva l’inossidabile Venditti

TORINO. Nel quarantennale del suo album più significativo, Antonello Venditti porta nei palazzetti il suo “Sotto il segno dei pesci tour” e sarà al Pala Alpitour alle ore 21 di venerdì 22 marzo.

Nato l’8 marzo del 1949, Venditti è stato figlio di quel fermento musicale dei primi anni Settanta, partito dai locali underground che a Roma aveva casa e cuore al Folk Studio. E’ lì che incontra Francesco De Gregori, con cui nasce un’amicizia e una collaborazione che sfocia nel 1972 in “Theorius Campus”. Sul suo lato, Venditti incide “Roma Capoccia”, che diventerà una delle bandiere del suo repertorio, mettendo in luce quella vena melodica e popolare che lo contraddistingue. Quello che Venditti considera il suo album più significativo arriva però nel 1978: “Sotto il segno dei Pesci”. “Ha segnato la mia svolta musicale. E’ il mio disco più importante, quello in cui c’erano tutti i temi che avrei poi continuato ad affrontare: la politica, l’amore, la droga”, aveva dichiarato qualche mese fa, dal palco dell’Arena di Verona.


Gli anni Ottanta e Novanta segneranno l’apice del suo successo: “In questo Mondo di Ladri”, nel 1988, vendette 1,3 milioni di copie, “Benvenuti in Paradiso”, tre anni dopo, quasi un milione e mezzo. In quegli anni, però, Venditti vive sulla sua pelle la dicotomia tra essere un cantautore di successo e al contempo essere impegnato nel sociale e in politica. Una contraddizione che vive ancora oggi, che di anni ne ha compiuti 70, e con cui continuare a fare i conti sia nei dischi che sul palco. Antonello Venditti sarà accompagnato dalla sua band storica, gli Stradaperta, dando vita a un concerto intergenerazionale, con i brani dell’album inseriti al centro di 45 anni di canzoni. Un vero e proprio viaggio con perle entrate nella memoria collettiva di un intero Paese, che raccontano un’epoca e che sono diventate senza tempo, che parlavano ai giovani di allora e che sono capaci di comunicare ai ragazzi di oggi con un linguaggio assolutamente contemporaneo.

Pochi biglietti ancora disponibili su www.ticketone.it a partire da 35 euro.

Roberta Bruno

Torinese, classe 1961, è maestra professionista di tennis. Da sempre appassionata di musica, ha seguito numerosi concerti di artisti di livello internazionale sia all'Italia, sia all'estero.

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close