Economia, Lavoro, IstruzioneProvince

Siamo al penultimo posto in Europa per numero di laureati: ecco i dati Istat

L’Italia sembra essere al penultimo posto in Europa, prima della Romania, per numero di laureati. Il dato ha un’accezione negativa, in quanto il 14% abbandona gli studi, e non vi sono miglioramenti in questo senso da una decina di anni. L’Istat, nel Report 2017 sui “Livelli di istruzione della popolazione e i ritorni occupazionali”, considera poi i neet in Italia, giovani che non studiano e non lavorano, i più numerosi tra i Paesi dell’Unione, oltre 2 milioni, aggiungendo gli immigrati arrivati negli ultimi nove anni con livelli d’istruzione molto bassi.

In Italia, dunque, nel 2017 la quota di 25-64enni con almeno un titolo di studio secondario è contenuta: 60,9%, +0,8 punti rispetto al 2016 e molto inferiore alla media europea (77,5%, +0,6 punti rispetto all’anno precedente). Su questa differenza rilevante incide la bassa quota di 25-64enni con una laurea, pari al 18,7%, +1 punto rispetto all’anno precedente, che è poco più della metà del rispettivo valore europeo (31,4%, +0,7 punti rispetto al 2016). Tra il 2008 e il 2017, la quota di popolazione con almeno un diploma è cresciuta in Italia più della media europea, circa 8 punti, mentre quella di chi ha un titolo terziario è aumentata meno: +4,4 punti contro +7,2 punti.

Ancora nel 2017 la quota di 30-34enni in possesso di laurea o titolo di studio post laurea si aggira attorno al 26,9%, mentre la media Ue è del 39,9%. L’aumento dal 2008 è stato di di 7,7 punti nel Bel Paese, che rimane, in ogni caso, in penultima posizione in Europa. Il divario di genere, poi, è forte: oltre una giovane su tre è laureata, contro un giovane su cinque. Dal 2014 al 2017, però, pur con tassi di occupazione decisamente bassi e molto inferiori ai livelli pre-crisi, sia per diplomati sia per laureati,  l’aumento del lavoro tra i neodiplomati e neolaureati italiani risulta essere più sostenuto rispetto a quello medio europeo.

Riguardo agli stranieri, solo il 47,7% di quelli residenti possiede almeno il diploma contro il 62,5% degli italiani, mentre il 12,1% ha conseguito una laurea a fronte del 19,5% degli italiani. Nel Regno Unito il livello d’istruzione degli stranieri è superiore a quello degli stessi inglesi, e la Spagna presenta quote di coloro con almeno un diploma secondario superiore simili tra stranieri e locali. Tornando in Italia, questo divario è aumentato negli anni, soprattutto al Sud. Infine, gli stranieri che vivono in Italia presentano un precoce abbandono scolastico, molto più rilevante rispetto agli italiani (33,1% contro 12,1%), pur essendosi registrato proprio tra gli stranieri un netto miglioramento dal 2008.

Piemonte

Il Consorzio Interuniversitario AlmaLaurea, con finalità o obiettivi di studi statistici inerenti al mondo universitario italiano, ha presentato, lo scorso giugno, il XX Rapporto sul Profilo e sulla Condizione occupazionale al Convegno “Mutamenti strutturali, laureati e posti di lavoro”, presso l’Università di Torino.
Le indagini hanno coinvolto i laureati di 74 università delle 75 ad oggi aderenti al Consorzio. Il rapporto di AlmaLaurea sul profilo dei laureati ha analizzato le performance formative di oltre 276 mila laureati nel 2017: in particolare, 157 mila laureati di primo livello, 81 mila laureati nei percorsi magistrali biennali e 36 mila laureati a ciclo unico.

Riguardo la condizione occupazionale sono stati considerati oltre 630 mila laureati di primo e secondo livello nel 2016, 2014 e 2012 contattati, rispettivamente, a uno, tre e cinque anni dal conseguimento del titolo. I laureati nel 2017 della regione Piemonte coinvolti nel Rapporto sono stati 20.831. Si tratta di 11.590 di primo livello, 7.423 magistrali biennali e 1.712 a ciclo unico; i restanti sono laureati del corso pre-riforma in Scienze della Formazione primaria o in altri corsi pre-riforma.

La quota di laureati di cittadinanza estera è complessivamente pari al 6,5%: il 6,1% tra i triennali e l’8,0% tra i magistrali biennali. Il 27,2% dei laureati proviene da fuori regione; in particolare è il 22,0% tra i triennali e il 39,4% tra i magistrali biennali. È in possesso di un diploma di tipo liceale (classico, scientifico e linguistico) il 69,0% dei laureati: è il 65,4% per il primo livello e il 71,5% per i magistrali biennali. Possiede un diploma tecnico il 17,2% dei laureati: è il 20,4% per il primo livello e il 14,6% per i magistrali biennali. Residuale la quota dei laureati con diploma professionale.

L’età media alla laurea è 25,4 anni per il complesso dei laureati, nello specifico di 24,4 anni per i laureati di primo livello e di 26,6 anni per i magistrali biennali. Un dato su cui incide il ritardo nell’iscrizione al percorso universitario: non tutti i diplomati, infatti, s’immatricolano subito dopo aver ottenuto il titolo di scuola secondaria superiore. Il 55,0% dei laureati termina l’università in corso: in particolare è il 54,4% tra i triennali e il 58,0% tra i magistrali biennali. Il voto medio di laurea è 100,8 su 110: 97,2 per i laureati di primo livello e 105,6 per i magistrali biennali.

Tags

Simona Cocola

Giornalista pubblicista torinese, ha iniziato a collaborare per la carta stampata nei primi anni dell'università, continuando a scrivere, fino a oggi, per diverse testate locali. Ha inoltre lavorato in una redazione televisiva, in uffici stampa, ha ideato una rubrica radiofonica, ed è autrice di due romanzi.

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close