Cultura & SpettacoliTorino

Scene da un matrimonio col glorioso Teatro Katona di Budapest

TORINO. Scene da un matrimonio con il glorioso Teatro Katona di Budapest che trasforma Casa di bambola in un dramma sulla felicità di facciata. La trentacinquenne regista Kriszta Székely ama le grandi figure femminili e dà all’eroina di Ibsen i connotati e i tormenti di una donna contemporanea. Nora/Natale a casa Helmer andrà in scena al Teatro Carignano da giovedì 14 a domenica 17 marzo.

«Quali ruoli recitiamo in un rapporto? fino a quando può funzionare un matrimonio che si basa sulle menzogne? cosa succede quando non si può continuare a fingere?» Se lo domanda la trentacinquenne regista ungherese Kriszta Székely, autrice per il Katona di Budapest di un allestimento di “Casa di bambola” di Ibsen, portato in scena con il titolo Nora/Natale in casa Helmer, che la critica ha definito “di sconvolgente intensità”. Superando tematiche divenute inattuali (l’emancipazione femminile, il ruolo della donna nella famiglia) di un testo del 1879, Székely dà alla pièce una lettura contemporanea e pone al centro una questione diversa: quella del matrimonio di facciata. La famiglia perfetta nasconde la realtà di una coppia di quarantenni in crisi, come tante altre. Nora si ripete che sta a bene, che è felice. Eppure sa di mentire a se stessa. Fino a quando, rivelate le menzogne, evaporata ogni illusione, si ritrova assieme al marito davanti alle macerie della sua vita in rovina.

Orario spettacoli: 14 marzo alle ore 19.30 – 15 marzo alle ore 20.45 – 16 marzo alle ore 19.30 – 17 marzo alle ore 15.30. Lo spettacolo è in lingua ungherese con soprattitoli in italiano.

Biglietti disponibili su www.teatrostabiletorino.vivaticket.it.

Roberta Bruno

Torinese, classe 1961, è maestra professionista di tennis. Da sempre appassionata di musica, ha seguito numerosi concerti di artisti di livello internazionale sia all'Italia, sia all'estero.

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close