Economia, Lavoro, IstruzionePiemonte

Quasi un diplomato su due è pentito della scelta scolastica fatta a 14 anni

Sebbene i diplomati siano generalmente soddisfatti dei vari aspetti dell’esperienza scolastica, una quota importante di loro al termine del percorso formativo è “pentito” della scelta compiuta a 14 anni. E’ quanto emerge dall’Indagine sul Profilo dei Diplomati 2018 di AlmaDiploma e AlmaLaurea presentata oggi in occasione del XVI Convegno nazionale AlmaDiploma, “Orientare e (È) Educare – Percorsi, strumenti e nuove strategie di continuità”.

Il Rapporto mostra infatti che se tornassero ai tempi dell’iscrizione alla scuola secondaria di II grado, mentre 54 diplomati su cento ripeterebbero lo stesso corso, 34 diplomati su cento frequenterebbero un indirizzo diverso (8 sceglierebbero un diverso indirizzo/corso della propria scuola e 26 cambierebbero sia scuola che indirizzo); infine 12 ripeterebbero il corso ma in un’altra scuola.

La quota dei diplomati che cambierebbe corso e/o scuola è più elevata tra i professionali (50,7%), seguiti dai tecnici (46,2%), e dai liceali (44,9%). È interessante esaminare le ragioni espresse dai diplomati che cambierebbero corso e/o scuola: il 41% lo farebbe principalmente per studiare materie diverse, il 18,5 compiere studi che preparino meglio al mondo del lavoro (quota che sale addirittura al 27,2% tra i professionali), il 18,1% per compiere studi più adatti in vista dei successivi studi universitari. In generale, il 79,1% dei diplomati si dichiara piuttosto soddisfatto della propria esperienza scolastica. Le opinioni sono risultate in generale favorevoli anche nei confronti degli insegnanti: apprezzati particolarmente per la preparazione e per la chiarezza espositiva.

Alla vigilia del diploma, infine, la quota di disorientati, ossia coloro che sono molto incerti sul proprio futuro formativo e professionale, è pari al 14%. Percentuale che è più elevata tra i tecnici (21,1%) e professionali (22,5%) rispetto ai liceali, assai distanziati: solo il 7,7%.

Tags

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close