Cronache & AttualitàTorino

Minacce per credito inesistente: impresario edile e due complici in manette

TORINO. Pretendeva il pagamento di centomila euro da una società per la quale aveva svolto dei lavori, e quando il tribunale gli ha dato torto non ha esitato ad assoldare due persone per incassare il denaro con metodi brutali. Tre persone ora sono state arrestate fra Torino e Venezia dai carabinieri del nucleo investigativo del capoluogo piemontese. Tutte sono di origini calabresi e risiedono a Torino. L’accusa e di concorso in tentata estorsione aggravata.

Al centro dell’indagine c’è il titolare di un’impresa edile che aveva chiesto i 100.000 euro in aggiunta al pagamento di lavori di restauro effettuati su un immobile di proprietà di una società riconducibile alla vittima. Il 4 luglio 2017 la causa civile che aveva promosso era terminata con esito sfavorevole, così si era rivolto agli altri due. Telefonate, minacce, appostamenti, sopralluoghi e richieste di incontri sono andati avanti tra il luglio e il novembre del 2018. Le ordinanze di custodia cautelare in carcere sono state emesse dal Gip su richiesta della procura di Torino, che ha coordinato le indagini dell’Arma.

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close