Economia, Lavoro, IstruzionePiemonte

L’agenzia per il lavoro Etjca cerca 50 operatori telefonici addetti al customer

TORINO. L’agenzia per il lavoro “Etjca”, una tra le principali attive attualmente, è in cerca di 50 operatori addetti al customer care nei call center in Piemonte, tra la provincia di Torino e Ivrea. Chi sarà selezionato, si occuperà di offrire assistenza inbound, ricevendo telefonate, ai clienti. Le caratteristiche ricercate sono: una buona predisposizione all’apprendimento, flessibilità, ottime doti comunicative, orientamento al cliente, affidabilità e inclinazione al problem solving.

Etjca è presente sul territorio dal 1999, e si occupa di ricerca di personale e gestione delle risorse umane, avendo come obiettivo quello di trovare lavoratori specializzati e professionisti affidabili. Inoltre, l’agenzia realizza progetti ad hoc, adattabili alle esigenze specifiche delle aziende che la contattano, per un supporto nella gestione di tutti gli aspetti relativi alle risorse umane. D’altro canto, permette a chi cerca lavoro di accedere a un’occupazione in linea con le competenze professionali acquisite. Attraverso un team di recruiter, identifica, infatti, il profilo del lavoratore all’interno del database, al fine di contattarlo per offerte lavorative adeguate all’esperienza professionale.

Nel 2016 i lavoratori impiegati tramite agenzie per il lavoro sono stati mediamente 378 mila al mese: il valore più alto dal 1997 a oggi. Nel 1993 nasce in Italia la prima agenzia interinale per la ricerca di lavoro, che ottiene un grande successo di consenso popolare, arrivando in breve tempo a 200 mila  curricula. Dal punto di vista legislativo, però, viene dichiarata “illegale”. Bisogna attendere il 1997 con la legge Treu e la successiva legge Biagi perché questo servizio sia riconosciuto a tutti gli effetti di utilità sociale, e legittimato nel tempo.
Alla base delle agenzie per il lavoro sussiste la volontà di far incontrare la domanda e l’offerta, anche se negli anni questa idea ha assunto una connotazione negativa, diventando quasi un sinonimo di precarietà.

Tags

Simona Cocola

Giornalista pubblicista torinese, ha iniziato a collaborare per la carta stampata nei primi anni dell'università, continuando a scrivere, fino a oggi, per diverse testate locali. Ha inoltre lavorato in una redazione televisiva, in uffici stampa, ha ideato una rubrica radiofonica, ed è autrice di due romanzi.

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close