Attualità

Gaming mobile: chi sono i videogiocatori italiani e i loro giochi preferiti

Il mondo dell’intrattenimento online e offline è stato sconvolto negli ultimi anni da quella che possiamo definire come una svolta epocale: l’arrivo e il consolidamento del gaming mobile. Ormai gli smartphone sono diventati compagni inseparabili della maggior parte della popolazione, indipendentemente dall’età, dall’alfabetizzazione informatica e dall’estrazione sociale. Compagni che spesso sfruttiamo per giocare e divertirci come affermano le ultime ricerche di settore incentrare sul mercato italiano.

Lo smartphone ha ormai superato console e PC come piattaforma di gioco preferita a livello mondiale, generando un giro d’affari sull’ordine dei miliardi di dollari. E allo stesso tempo i giochi per i telefoni di ultima generazione stanno entrando di prepotenza anche nel sempre più ricco mondo degli eSports. A questo successo ha contribuito in maniera sostanziale anche l’Italia, ritenuta dagli esperti come uno dei mercati più interessanti e con le più grandi prospettive di crescita futura.

Italiani santi, navigatori e giocatori, quindi, come affermano le più recenti analisi relative al profilo dei gamer amatoriali e professionisti. Nel nostro Paese il 44% della platea dei giocatori è rappresentato da donne. Sembra un numero incredibile ma nelle rilevazioni di due anni fa le videogiocatrici femmine erano state addirittura il 47% del totale.

L’età di riferimento del gaming mobile tricolore è composto da due fasce nettamente distinte. Sia tra i maschi che tra le femmine la concentrazione maggiore di appassionati di gaming si trova tra i 45 e i 64 anni e tra chi deve ancora raggiungere i 24 anni. Il dato più rilevante, però, è quello che riguarda il definitivo superamento da parte dello smartphone di PC e console di ultima generazione: in Italia 9 milioni di persone scelgono il telefono per giocare (4,8 milioni di maschi e 4,2 milioni di femmine). Cifra che si ferma, invece, a 6,9 milioni di persone che continuano a preferire gli altri device di gioco.

Tra le generazioni più “adulte”, invece sono ancora i classic game e i casinò game ad andare per la maggiore, trainati da piattaforme come PokerStars Casino che hanno creato le versioni mobile dei propri titoli di maggio successo. Accanto alle discipline da casinò per smartphone troviamo best seller dell’intrattenimento mobile come Candy Crush, Fruit Ninja, Trivia e Ruzzle. Giochi che sono usciti ormai da molti anni ma che continuano a riscuotere un successo invidiabile e un crescente numero di download.

Diverse, invece, le preferenze tra i giocatori più giovani in cui spiccano app decisamente recenti come Stumble Guys, multiplayer finlandese in stile battle royale, Subway Surfers, gioco di abilità tra i più scaricati al mondo, e Boom Beach: Frontlines, titolo strategico basato su enormi battaglie di gruppo.

Abbiamo analizzato il profilo dei giocatori italiani e le loro preferenze dal punto di vista dei giochi, ma adesso è il momento di approfondire la valenza economica del settore. In tutto il mondo il mercato delle app di gioco ha generato nel 2021 più di 116 miliardi di dollari, dato che comprende le micro-transazioni, gli acquisti in-app e i giochi a pagamento presenti sugli store iOS e Android. A riportarlo il report “State of Gaming App Marketing 2022” che riporta anche i dati italiani. Lo scorso anno nello Stivale si sono registrati aumenti dei download del 9% sui dispositivi Android e del 36% su quelli Apple. Numeri stabili rispetto al 2020, anno che passerà alla storia come pietra miliare del comparto e che vide il settore salire di un incredibile 75% rispetto al 2019.

Il futuro dell’intrattenimento sembra quindi tracciato e molto probabilmente i giochi mobile continueranno a crescere per molto tempo ancora, in primis per i sempre maggiori investimenti che i grandi produttori di hardware stanno facendo nell’elaborazione di smartphone dedicati appositamente al gaming, e in secondo luogo perché la diffusione globale delle reti 5G potrebbe creare terreno fertile per un enorme balzo in avanti a livello di prestazioni con i giochi mobile che avranno poco da invidiare ai “fratelli maggiori” per console e PC.

Advertisement

Articoli correlati

Back to top button