MusicaTorino

All’Hiroshima fa tappa il cantautore Antonio Dimartino

TORINO. Il cantautore siciliano Antonio Dimartino sarà sul palco di Hiroshima Mon Amour giovedì 28 febbraio alle ore 22. Il concerto fa parte del tour per presentare l’album “Afrodite” uscito a fine gennaio e che segue a distanza di due anni il progetto collaborativo con Fabrizio Cammarata, “Un mondo raro”. Ad anticipare l’uscita di Afrodite è stato il singolo (anche videoclip, curato dell’artista palermitana Manuela Di Pisa) “Cuoreintero”, brano manifesto di questa nuova cifra stilistica, che sperimentando nuovi suoni e raccontando lucidamente la contemporaneità, sancisce un nuovo inizio nel viaggio musicale dell’artista.

Fermarsi, rimettere insieme tutti i pezzi e ripartire da zero. Per farlo, Dimartino si è tuffato in un mare sonoro nuovo tra influenze anni ‘70 italiane (su tutti Battisti e Dalla) e la scena internazionale contemporanea (Phoenix, Sebastian Tellier,  Tame Impala) e insieme al produttore Matteo Cantaluppi (già all’opera con The Giornalisti e Ex-Otago) ha trovato un suono personale, potente e mai derivativo.

Cuoreintero è un brano che parla di crescita e nuove responsabilità, ma anche della necessità di perdersi per ritrovare la propria identità. «Mentre visitavo il museo egizio di Torino – spiega il cantatuore siciliano -, mi sono soffermato sull’antica pratica della psicostasia, la pesatura del cuore, a cui, secondo il libro dei morti, era sottoposto ogni defunto prima di accedere all’aldilà. Ho pensato all’unicità del cuore di ogni essere umano e mi è venuto in mente un concetto semplice, ma fondamentale: oggi prima di curare un’intera società bisognerebbe cominciare a curare le proprie solitudini». 

Oltre a scrivere canzoni Dimartino si è cimentato anche nella letteratura. E’ del 2017 il suo primo romanzo dal titolo “Un mondo raro” in cui racconta la vita e l’incanto della cantante messicana Chavela Vargas, scritto insieme al cantautore Fabrizio Cammarata edito da La nave di Teseo. Insieme a Cammarata incide anche un disco che ha lo stesso titolo del romanzo, registrato a Città del Messico insieme a Juan Carlos Allende e Miguel Peña storici chitarristi della cantante messicana. Inoltre collabora anche come autore con numerosi interpreti italiani.

Biglietti disponibili su www.mailticket.it al costo di 13 euro più diritto di prevendita.

Roberta Bruno

Torinese, classe 1961, è maestra professionista di tennis. Da sempre appassionata di musica, ha seguito numerosi concerti di artisti di livello internazionale sia all'Italia, sia all'estero.

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close