Ingoia una pila e rischia di soffocare: salvata al Regina Margherita bimba di 14 mesi

TORINO. Una bambina di 14 mesi è ricoverata in prognosi riservata all’ospedale infantile Regina Margherita di Torino, dove nelle scorse ore le è stata rimossa una pila rotonda, a bottone, dall’esofago. L’intervento, eseguito in endoscopia, è perfettamente riuscito. La piccola paziente è intubata nel reparto diretto dal primario Giorgio Ivani. Nelle prossime ore, se non sorgeranno complicazioni nel decorso post-operatorio, la bambina sarà trasferita nel reparto di chirurgia diretto dal primario Fabrizio Gennari.

A dare l’allarme sono stati i genitori della piccola, subito accortisi che la figlia aveva ingerito la pila, una di quelle che si usano di solito per gli orologi o i telecomandi. All’ospedale Santa Croce di Cuneo, dove è stata portata dalla sua abitazione di Alba, hanno subito deciso il trasferimento a Torino. Il timore era che la batteria, che ha ulcerato l’esofago, potesse soffocare la bambina. La sua rimozione è avvenuta in endoscopia, senza bisogno di effettuare incisioni.