Shakespeare in love, prima nazionale a fine novembre all’Alfieri di Torino

TORINO. A tre anni dal grande successo di Londra, arriva finalmente, in prima nazionale, Shakespeare in love al Teatro Alfieri. L’adattamento teatrale del film  vincitore di 7 premi Oscar (protagonisti sul grande schermo erano Gwyneth Paltrow e Joseph Fiennes) andrà in scena a Torino giovedì 29 novembre, con repliche sino a domenica 2 dicembre.

“Shakespeare in love” è una commedia degli equivoci, rocambolesca ed esilarante, in cui vediamo nascere dalla penna del grande scrittore inglese la storia d’amore più famosa del mondo, quella tra Romeo e Giulietta. Siamo nella Londra elisabettiana e Shakespeare è un autore emergente che non riesce a scrivere il copione che gli è stato commissionato, una commedia improbabile dal titolo decisamente imperfetto: Romeo e Ethel, la figlia del pirata. Senza soldi e in ritardo con la consegna, vaga per le strade della città in cerca d’ispirazione finché non incontra Viola De Lesseps che, camuffata da ragazzo, si presenta per l’audizione dello spettacolo, determinata a realizzare il sogno di poter recitare su un palcoscenico allora vietato alle donne. Shakespeare scopre la vera identità della ragazza, tra i due scoppia la passione e il giovane autore ritrova finalmente la sua Musa. Viola però è già promessa sposa al potente Lord Wessex, membro della corte della Regina Elisabetta, e tra i due, proprio come per Romeo e Giulietta, l’amore sembra impossibile.

“Shakespeare in love” è uno spettacolo che affascina per la suggestiva rappresentazione di un mondo teatrale, allora come oggi, sempre alle prese con la follia degli artisti, il cinismo del potere e la magia della scena. Magistralmente scritto da Lee Hall e diretto da Giampiero Solari e dal regista associato Bruno Fornasari, lo spettacolo restituisce sulla scena tutte le atmosfere del capolavoro cinematografico, con un cast di eccellenza composto da diciannove bravissimi interpreti e il cane preferito della regina Elisabetta. Tra duelli, scambi d’identità e il dietro le quinte di spassose farse elisabettiane, il pubblico si troverà immerso nel mondo romantico e passionale dell’opera di uno dei più grandi autori di tutti i tempi proprio mentre questa viene creata dall’intreccio con la vita, l’avventura e gli amori della sua epoca.

Roberta Bruno

Torinese, classe 1961, è maestra professionista di tennis. Da sempre appassionata di musica, ha seguito numerosi concerti di artisti di livello internazionale sia all'Italia, sia all'estero.