ScienzeTop NewsTorino

Nuovo volto al reparto di Oncoematologia pediatrica del Regina Margherita

TORINO. E’ stato inaugurato ieri (martedì 5) il nuovo reparto di degenza di Oncoematologia pediatrica dell’ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, finanziato da Adisco – Sezione Piemonte con il contributo di Compagnia di San Paolo. Ora il reparto dispone di 16 camere singole, spazi dedicati all’attività ludica (sala giochi e spazio adolescenti), all’attività educativa (nido e scuola di ogni ordine e grado) ed ai genitori. E’ ubicato al quinto piano dell’ospedale Infantile Regina Margherita e conta una superficie di circa 900 mq. Collocandolo al medesimo piano dei vicini reparti di “Day Hospital” e di “Centro Trapianti Cellule Staminali” si è voluto creare un percorso diagnostico-terapeutico sinergico ed omogeneo per il paziente, attraverso una continuità sia estetica che funzionale tra i tre reparti.

Il reparto è servito da tre accessi con rispettivi ascensori e gruppi scala. È composto da un corridoio di lunghezza di circa 80 metri, che disimpegna da un lato le 16 camere di degenza, con i rispettivi bagni, e dall’altra parte i sevizi composti da sale mediche, segreteria, tisaneria, bagni e depositi. Al fondo del corridoio la grande sala giochi è stata riprogettata come un grande open-space dedicato al gioco ed allo svago, con spazi ed arredi adatti ai piccoli pazienti. Adiacenti ad essa vi sono una sala riunioni a disposizione dei medici ed una sala per lo studio.

La sala gioco-svago comune rappresenta il vero fulcro del reparto: si tratta di un’area dedicata ai giovani pazienti ed alle loro famiglie. Qui la natura si trasforma in architettura: i due pilastri, trasformati in alberi con le loro fronde, scandiscono lo spazio di un ambiente raddoppiato negli spazi e completamente rinnovato, grazie alla nuova illuminazione, ai nuovi arredi ed alle particolari nicchie dedicate alla lettura.

La presentazione di ieri con il presidente della Regione Alberto Cirio

L’investimento per il progetto di restyling del reparto è stato di 1,5 milioni di euro di cui un milione erogato da Adisco e 500 mila euro dalla Compagnia San Paolo. Al  taglio  del  nastro  hanno  partecipato, tra gli altri, Alberto  Cirio  (Presidente  della  Regione  Piemonte),  Luigi Genesio Icardi (Assessore  alla  Sanità,  Livelli essenziali  di  assistenza,  Edilizia  sanitaria  Regione Piemonte), Stefano Geuna (Rettore Università degli Studi di Torino), Maria Teresa Lavazza (Presidente dell’Associazione Adisco – Sezione Piemonte – Donatrici Italiane Sangue Cordone Ombelicale), Alberto Anfossi (Segretario Generale Compagnia di San Paolo), Silvio  Falco  (Direttore  Generale  della  Città  della  Salute  di  Torino)  e  Franca  Fagioli  (Direttore Dipartimento di Pediatria e Specialità Pediatriche della Città della Salute).

“Il nuovo reparto – spiega la dottoressa Fagioli – è stato concepito sia per garantire il diritto alla privacy del bambino e dell’adolescente ammalato di tumore, sia per offrire attività ludiche, ricreative e riabilitative in spazi dedicati.  All’umanizzazione è stata coniugata l’innovazione   tecnologica,   tutte   le   stanze   sono   dotate   di   monitoraggio   continuo,   requisito indispensabile per la conduzione di sperimentazioni cliniche”.

Piero Abrate

Giornalista professionista, è direttore responsabile di Piemonte Top News. In passato ha lavorato per quasi 20 anni nelle redazioni di Stampa Sera e La Stampa, dirigendo successivamente un mensile nazionale di auto e il quotidiano locale Torino Sera. E’ stato docente di giornalismo all’Univesità popolare di Torino.

Articoli correlati

Close