Nati l’11 ottobre: l’olimpionico Luigi Maiocco, eroe torinese della ginnastica

Nel 2015 il Comune di Torino gli ha intitolato un giardino pubblico in zona Mirafiori, precisamente tra via Onorato Vigliani e i corsi Caio Plinio, Traiano e Maroncelli, per ricordare le sue imprese nei primi due decenni del secolo scorso. Il protagonista di gloriose imprese sportive è Luigi Maiocco, classe 1892, tra i primi grandi atleti della ginnastica artistica italiana. Luigi nasce a Torino l’11 ottobre. Sin da bambino dimostra grandi doti negli esercizi ginnici e viene  tesserato dalla Società Ginnastica Torino. Inizia a gareggiare giovanissimo  ottenendo ben presto risultati eccellenti.

Perfetto stilista, elegante e molto coordinato nel gesto atletico, alle Olimpiadi di Stoccolma del 1912 con la Nazionale azzurra conquista la medaglia d’oro a squadre. Si conferma medaglia d’oro nelle prove collettive dei Giochi d’Anversa del 1920, dove ottiene altresì un settimo posto di grande valore nella gara individuale del cavallo con maniglie. Nel 1924 alle Olimpiadi di Parigi vince per la terza volta la medaglia d’oro a squadre. E’ tra i pochi atleti italiani a conquistare per tre volte lo scalino più alto del podio in tre diverse edizioni dei Giochi voluti dal conte De Coubertin, anche se in un periodo temporale occupato teoricamente da quattro olimpiadi, qualora si consideri il vuoto, provocato dalla guerra, del 1916. Dal 1913 al 1924 è campione piemontese di ginnastica e ottiene il primo posto in numerose altre competizioni nazionali, vincendo tre titoli italiani, nel 1920 a Venezia, nel 1921 a Trento e nel 1925 a Cuneo. Il 1925 è il suo ultimo anno di attività a livello agonistico. In quell’anno fonda il Gruppo Sportivo Lancia, rimanendo nel mondo della ginnastica come allenatore e giurato e trovando vecchi compagni di gara come Neri e Battistini, che come lui sono stati famosi nazionali.

Muore a Torino l’11 dicembre 1965 all’età di 73 anni.