Centrale del Latte: la bottiglia d’autore di Luzzati in vendita per un mese

TORINO. Cos’hanno in comune Emanuele Luzzati e la Centrale del Latte di Torino? Una bottiglia, d’autore in questo caso, e cioè quella firmata dal celebre illustratore, su cui è raffigurata Pulcinella. Si tratta di un disegno originale di Luzzati, dove la maschera napoletana per eccellenza è ripetuta in diverse posizioni di scena.

Il Museo Luzzati di Genova ha dato in concessione la bottiglia in vetro, che nel 1998 ha ottenuto l’Oscar dell’Imballaggio. Sarà in commercio per un mese circa, in un numero limitato di pezzi, e si potrà trovare all’interno dei punti vendita serviti dall’azienda in Piemonte e nell’Imperiese. I collezionisti non si perderanno sicuramente quest’occasione.

Emanuele Luzzati è stato uno scenografo e illustratore, oltre che maestro in ogni campo dell’arte applicata. Nato a Genova nel 1921, e morto nel 2007, ha testimoniato una cultura figurativa abile e colta, interpretata con materiali diversi, quali la terracotta, lo smalto, l’intreccio di lane per arazzi, l’incisione su supporti diversi, i collage di carte e tessuti composti per costruire bozzetti di scene, di costumi, di allestimenti navali.

Un mondo fantastico il suo, immediato e molto espressivo, tanto da farne uno degli artisti contemporanei più amati e ammirati. Dotato di uno stile personalissimo («Una seggiola, se le metti un cappello, può diventare un uomo», disse), ha realizzato più di 500 scenografie per prosa, lirica e danza nei principali teatri italiani e stranieri, illustrato e scritto diversi libri dedicati all’infanzia, ed eseguito svariati pannelli, sbalzi e arazzi collaborando con architetti per arredi navali e locali pubblici.

Insignito di numerosi riconoscimenti, vive, come tutti gli artisti, nelle sue opere, esposte nel cuore del Porto Antico di Genova, sede del museo a lui dedicato.

 

Simona Cocola

Giornalista pubblicista torinese, ha iniziato a collaborare per la carta stampata nei primi anni dell'università, continuando a scrivere, fino a oggi, per diverse testate locali. Ha inoltre lavorato in una redazione televisiva, in uffici stampa, ha ideato una rubrica radiofonica, ed è autrice di due romanzi.