Colpo di taccoTop NewsTorino

Affari a gonfie vele, Urbano Cairo ora si frega le mani

TORINO. Sta spopolando sul web in questi giorni il video che ritrae il nostro presidente mentre incentiva la rete vendita delle sue aziende. Con il suo fare “marpionesco”, che noi granata ben conosciamo, spiega molto chiaramente che l’attuale situazione di emergenza Coronaviurs è una opportunità importante per fare fatturato ed elenca tutta una serie di aziende sue inserzioniste su La7 e sui suoi giornali che proprio in questo periodo farebbero affari d’oro insieme a lui.

Conad, Beretta, Dompè, Enel, Banca Intesa, Unicredit, Zanetti, Segafredo e tanti altri si stanno quindi fregando le mani insieme a Cairo per i rialzi dei fatturati mentre la gente muore negli ospedali. Quanto tutto ciò sia eticamente corretto non spetta a me dirlo ma la mente mi riporta indietro nel tempo, al 6 aprile 2009. Sono passate poche ore dal terremoto de L’Aquila (309 morti, 1600 feriti e 80.000 sfollati) e l’imprenditore Francesco Piscicelli e suo cognato Pierfrancesco Gagliardi, da quel momento soprannominati “gli sciacalli”, durante una telefonata, si fregavano le mani per i guadagni che avrebbero ottenuto attraverso gli appalti per la ricostruzione mentre i cadaveri erano ancora sotto le macerie.

Lascio a voi le considerazioni del caso e le eventuali similitudini e/o analogie. Il video di Cairo, il cui link troverete al fondo del mio articolo, ha avuto una rilevanza nazionale (casualmente ignorato dal gruppo Rcs che proprio quel giorno pubblica sul Corriere della Sera un comunicato di protesta contro l’annuncio dell’azienda di voler distribuire un dividendo ai soci piuttosto che aiutare le difficoltà del giornale) e in tanti si sono posti delle lecite domande sul tempismo di queste parole. Cairo, come spesso fa, ha poi cercato di mettere una toppa con un secondo video pubblicato il giorno seguente su Instagram, peccato che il buco era oramai più grande del goffo tentativo di trovare delle giustificazioni a delle parole deliranti in un momento cosi difficile per tutta la nazione. Nel secondo video, infatti, il nostro presidente giustifica le sue parole al fatto che lui avrebbe a cuore le sorti di tutti i suoi 4500 collaboratori e che è preoccupato per loro vista l’emergenza sanitaria.

Il buon Urbano però “dimentica” di dirci che ha avviato le procedure per il taglio di 65 giornalisti (tra Corriere della Sera, Gazzetta dello Sport e i periodici) e ben 200 tra grafici e poligrafici e che con l’approvazione del bilancio 2019 di Rcs sono ben 15,65 milioni i dividendi per gli azionisti (Pirelli, UnipolSai, Mediobanca e Diego Della Valle i più noti) e che di quella cifra ben 9,367 milioni finiranno alla Cairo Communication che oltre a Rcs controlla la Cairo Editore e, appunto, una La7 in perdita. Noi tifosi granata conosciamo però molto bene il modus operandi del nostro presidente e non ci stupiamo per nulla quando, notizia di oggi, Enzo Mazza presidente della Fimi (federazione italiana musicale italiana) attacca Cairo per delle fatture non pagate. Come dimenticare il bus griffato Toro e poi recuperato dalla GTT in quanto mai pagato?

Le cose sono sempre le stesse, da anni. Nel settore giovanile non hanno neanche i gagliardetti da consegnare alla squadra avversaria per non parlare del materiale tecnico o dei ritardi nei rimborsi delle spese sostenute da dirigenti ed osservatori. Le promesse non mantenute ai giocatori e i ritardi nel pagamento degli stipendi (qualcuno si è già rivolto all’Aic) sono la punta dell’iceberg di una gestione volta esclusivamente a fare del Torino Calcio il suo bancomat personale che con le plusvalenze lo ha arricchito sempre più. I presidenti normalmente investono nelle loro società qui da noi succede pure che Cairo si porti a casa due milioni di stipendio mentre i dirigenti delle giovanili vanno in giro con le tute di anni addietro. A noi tifosi granata il Coronavirus non ci fa paura, ci fa molto più terrore avere una società che pensa solo a vincere gli scudetti del bilancio (ancora da verificare) e nel mentre si sfrega le mani speculando sugli oltre 10.000 morti.

Fabrizio Gerolla

Fonti:
https://youtu.be/1O2aZb5tEC8 (Video Cairo)
https://tv.iltempo.it/home-tv/2020/03/29/video/coronavirus-urbano-cairo-discorso-instagram-lavoratori-pubblicita-aziende-rcs-1304599/ (replica Cairo)
https://www.allmusicitalia.it/news/enzo-mazza-fimi-urbano-cairo.html (Le dichiarazione di Fimi contro Cairo)

Articoli correlati

Close