BiellaCronache

Niente sesso in auto, Masserano lo ha messo nero su bianco

MASSERANO. D’ora in avanti chi verrà sorpreso a fare sesso in automobile verrà punito con una sanzione di 500 euro. Come si legge in un cartello posizionato all’ingresso del comune del Biellese, c’è tassativo «divieto di contrarre  prestazioni sessuali sul territorio comunale». I trasgressori dovranno mettere mano al portafogli. In realtà l’ordinanza si riferisce al novembre dello scorso anno, ma proprio in questi giorni il primo cittadino è deciso a inasprire la sua battaglia rafforzando il provvedimento con una precisazione ancora più esplicita affissa su cartelli sistemati lungo le strade cittadine. Le prostitute sono avvisate, ma soprattutto i clienti che talvolta si appartano in zone periferiche.

Dal Comune fanno sapere che il divieto si riferisce, ovviamente, agli incontri con le  prostitute, ma sui social intanto si scatenano  i posti ironici e le proteste. Tra i più simpatici, quello di una gentile signora residente in paese che su Facebook scrive: «Vendo casa».

 

Il sindaco Sergio Fantone (in foto) però non ha alcuna voglia di scherzare: «Per noi si tratta di un problema grave. Siamo un territorio frequentato da numerose prostitute, soprattutto di colore, che lavorano in strada.  Non è solo una questione di decenza ma anche di sensibilità nei confronti di queste donne che vengono sfruttate e trattate come schiave. Di togliere i cartelli non se ne parla proprio».

Tags

Piero Abrate

Giornalista professionista, è direttore responsabile di Piemonte Top News. In passato ha lavorato per quasi 20 anni nelle redazioni di Stampa Sera e La Stampa, dirigendo successivamente un mensile nazionale di auto e il quotidiano locale Torino Sera. E’ stato docente di giornalismo all’Univesità popolare di Torino.

Articoli correlati

Close